Vai al contenuto

Sara Velardo - Musicista

10 consigli per scrivere una canzone

scrivere una canzone

10 consigli per scrivere una canzone (+ un esercizio) 

In un precedente articolo ho iniziato a parlare di come si scrive una canzone, esaminando in linea generale il processo creativo, e riflettendo su quanto sia difficile definire se una canzone sia bella o brutta.

In sostanza ho cercato di definire cos’è una canzone e cosa deve trasmettere.

In questo articolo andrò sul pratico, dandoti 10 consigli per iniziare a scrivere una canzone o per migliorare nella scrittura, più un esercizio.

Alcuni punti ti sembreranno contraddittori, ma i modi in cui le canzoni prendono forma sono veramente tanti!

Indice del contenuto

Non aspettare l’ispirazione

A volte le canzoni arrivano da sole, altre volte puoi impiegarci anni a finire un brano. 

C’è chi scrive solo quando sta male, chi quando sta bene, chi quando piove…ognuno ha il proprio momento ideale.

Aspettare il momento giusto però può essere pericoloso se vuoi migliorare nella scrittura; a volte una canzone buona arriva dopo tante canzoni buttate, tentativi fallimentari e amori di una notte. 

Mi capita spesso di scrivere un brano, innamorarmene perdutamente per poi realizzare, giorni dopo, che non era poi un granché. 

Se vuoi migliorare nella scrittura ti consiglio di provare a scrivere ogni volta che puoi, le canzoni sono la combinazione di tanti fattori tra cui talento, ispirazione e tecnica; mentre aspetti l’ispirazione puoi fare pratica e lavorare sulla tecnica.

Impara a buttare

Affezionarsi ai propri brani è normale ma è anche la cosa più pericolosa per un cantautore o una cantautrice, io stessa appena scrivo un brano lo registro e lo riascolto infinite volte pensando spesso che sia bellissimo. 

Dopo tanti anni ho imparato però a metterlo nel cassetto per almeno un mese prima di riascoltarlo, in questo modo riuscirà ad avere un punto di vista più obiettivo la prossima volta che lo riascolterò…e spesso non era un brano così bello come credevo!

Consigliocreati un gruppo di ascolto, cioè 4 o 5 persone di cui ti fidi a cui chiedere un feedback immediato quando senti che la canzone è finita. 

Di solito consiglio di scegliere sia altri musicisti sia amici che non suonano ma che amano ascoltare musica, così puoi avere un feedback sia a livello tecnico che emotivo!

Ci sono dei dischi scritti per essere apprezzati dai musicisti, altri da tutti. 

Tu per chi vuoi scrivere?

Cantautore

Studia i brani degli artisti che ti piacciono

Suonare le cover dovrebbe servire fondamentalmente a interiorizzare le composizioni, analizzare la metrica, i passaggi armonici, le strutture e mettere tutto nella propria musica.

Studiare armonia e composizione può essere un aiuto importante quando scrivi, per trovare i giusti accordi su una melodia e viceversa, trovare velocemente delle soluzioni armoniche e per mille altri motivi, ma non è indispensabile per scrivere canzoni.

Quando ho conosciuto Ani Di Franco ho iniziato a studiare i suoi brani (se non la conosci ti consiglio di guardare questo video) e questo ha influenzato enormemente la mia tecnica chitarrista e le mie composizioni, tanto che spesso mi hanno definita la Ani di Franco italiana…immagina quanto mi abbia fatto piacere leggerlo!

Mi è anche capitato di ascoltare dei miei brani e rendermi conto, solo anni dopo, che un determinato passaggio mi ricordava tantissimo una canzone che avevo imparato a suonare dieci anni prima. 

Tutta la musica che ho ascoltato negli anni e ho studiato è entrata inevitabilmente a far parte del mio modo di fare musica, sia come musicista che come cantautrice.

Per questo è importante ascoltare tanta musica diversa, suonare tanto e aprirsi a diverse contaminazioni. 

Contaminati con altre forme d’arte

Un libro, un racconto o un film possono influenzarti più dell’album del tuo artista preferito. Ti capita mai di terminare la visione di un film e continuare a pensarci per giorni? 

Prova a scriverci una canzone, anche se andrai fuori tema il brano racchiuderà tutte le emozioni che hai provato guardando il film. 

Mi ricordo che Carmen Consoli anni fa raccontò di aver scritto un intero album dopo aver letto un libro sui proverbi (ricordi il verso si dice ad ogni rinuncia corrisponda una contropartita considerevole ?), questa cosa mi ha fatto sempre sorridere.

Racconta una storia

Gli esseri umani sono estremamente attratti dalle storie, vogliono sapere come va a finire, altrimenti le serie TV non avrebbero così tanto successo.

Tramite le storie che sentiamo possiamo vivere vite che altrimenti non vivremmo mai, e provare emozioni attraverso i personaggi che le vivono.

Spesso le canzoni raccontano di sentimenti astratti, visioni e metafore, ci innamoriamo di determinate frasi che suonano bene, ma chiediti sempre “si capisce di cosa sto parlando”?

Ci sono ovviamente le eccezioni: per esempio i testi dei Verdena sono noti perché nascono dalla trasposizione in italiano di alcune frasi in inglese maccheronico composte da Alberto Ferrari. 

Per alcuni non vogliono dire niente, altri invece riescono a trovarci un senso profondo.

Le storie non sono solo quelle dei film e dei libri, ma anche quelle delle persone che hai intorno.

Una volta mi è capitato che mia sorella mi telefonasse per sfogarsi dopo una lite; il suo racconto mi ha coinvolto così tanto che mezz’ora dopo avevo scritto il testo di una canzone!

Nutriti di tutto quello che accade intorno a te, ascolta le persone e le loro storie, oltre a comportarti da amica o amico raccoglierai materiale prezioso per le tue canzoni.

Nel 2020 ho scritto un brano su Lea Garofalo e una poesia su Emanuela Loi per uno spettacolo teatrale che parla di donne vittime di mafia; ho trascorso ore a leggere tutto quello che ho trovato su di loro, è stata un’esperienza emozionante e un esercizio utilissimo per crescere nella scrittura.

10 consigli per scrivere una canzone

Chiediti sempre per chi stai scrivendo

Ci sono canzoni che nascono perché vogliamo dire qualcosa agli altri, altre perché abbiamo bisogno di dire qualcosa a noi stessi.

In tanti momenti difficili della mia vita ho trovato conforto nella scrittura: sono riuscita a elaborare un lutto dopo molti anni solo grazie a un brano che ho scritto, ho buttato dentro una canzone tutto il dolore per la fine di una relazione tossica. 

Ho trascorso un intero giorno a scrivere e piangere, e dopo mi sono sentita incredibilmente meglio. Scrivere canzoni è anche uno strumento potentissimo di cura e introspezione.

In un altro momento della mia vita ho scritto un intero album su tematiche sociali perché mi ero stancata di litigare con gli altri sui social e avevo bisogno di una sorta di manifesto, un megafono per esprimere chiaramente le mie posizioni e  trasmettere un messaggio agli altri.

Le canzoni che nascono per motivi diversi suonano spesso in modi diversi: quando voglio portare un messaggio agli altri cerco sempre delle composizioni molto semplici e orecchiabili, in modo che il veicolo sia potentissimo e abbia più possibilità di raggiungere tanta gente.

Quando scrivi è importantissimo capire per chi stai scrivendo, questo determinerà la composizione, l’arrangiamento e la produzione artistica.

Hai mai scritto una canzone solo per te?

Segui il flusso

Se è vero che tante canzoni nascono da un’idea, dall’urgenza di esprimere un sentimento o raccontare una storia, è anche vero che a volte le canzoni sono già dentro di noi e aspettano solo di uscire.

Mi è capitato molte volte di impazzire perché avevo bisogno di scrivere e non avevo il tempo, per poi imbracciare la chitarra e iniziare a cantare parole nuove, come se la canzone fosse già dentro di me. 

È iniziato tutto con una frase, e ho capito solo dopo di cosa stavo parlando.

Ovviamente poi ci vuole tanto lavoro per sistemare, limare e creare un prodotto finito ma quando arriva il flusso non fermarti troppo a pensare; seguilo, capirai dopo se quello che stai facendo ha senso (ascoltandolo giorni dopo, come ho detto prima).

segui il flusso

L’abito fa il monaco

Si dice che le grandi canzoni funzionano anche pianoforte e voce, è anche vero però che una canzone suonata e cantata male o con un arrangiamento sbagliato, per quanto bella sia, non funziona.

Ci sono artiste e artisti che dal vivo sono incredibili ma che hanno dischi mediocri, per via della produzione artistica. 

Dopo aver prodotto dischi e lavorato in produzioni di altri ho provato a comporre brani direttamente al computer, lavorando sui suoni e l’arrangiamento, per poi portarli sulla chitarra.

È stato un esercizio importantissimo che ha cambiato il mio modo di scrivere, adesso quando compongo riesco già a immaginare quale potrebbe essere il vestito migliore per il brano. 

Anche la scelta della tonalità o della velocità sono  fondamentali e possono cambiare in modo significativo la resa di un pezzo.

Inoltre, una canzone può cambiare drasticamente a seconda dell’interprete, se ti piace scrivere canzoni ma non ti reputi in grado di suonare e cantare bene ( o non ti piace esibirti) puoi decidere di affidare le tue composizioni a qualcuno che possa valorizzarli!

Apriti alle critiche

Una delle cose più utili che mi sia successa come cantautrice è stato l’incontro con un produttore che ha demolito totalmente i brani del mio primo disco. 

Sono uscita da casa sua con un sacco di critiche che ho trasformato in consigli e mi hanno aiutata tantissimo nella composizione.

Se tutti ti dicono che un brano non funziona non ti abbattere e prova a capire perché, lavoraci e cerca di capire se puoi migliorarlo o è il caso di metterlo da parte e provare qualcosa di nuovo.

Mi capita spesso che colleghe e colleghi mi chiedano di ascoltare i loro brani per dare loro un feedback e io faccio lo stesso, lo scambio sincero e costruttivo è veramente importante per non rimanere chiusi nella propria bolla di autocompiacimento.

Scrivere semplice è più difficile di quanto pensi

Spesso molti accordi, un arrangiamento difficile e tante parole servono a nascondere una composizione debole, mentre a volte bastano veramente due accordi (o addirittura uno) per scrivere un gran pezzo.

Se le basi sono solide puoi aggiungere il resto dopo, attenzione però a non esagerare: una cornice troppo elaborata potrebbe oscurare il soggetto del quadro!

Quando siamo agli inizi abbiamo l’ansia di dimostrare che siamo bravi, quindi tendiamo a mettere tutto quello che ci viene in mente, con il tempo però bisogna riuscire a imparare una verità fondamentale: la canzone non sei tu.

È vero che le canzoni sono parte di noi, ma riuscire a distaccarsi dalla propria opera, non considerarla come un’estensione del proprio ego, è fondamentale per essere obiettivi e riuscire a lavorare al servizio della canzone, e non fare il contrario.

Tocca a te!

Ti lascio con un esercizio: prova a scrivere un brano su una storia che ti ha colpito particolarmente, seguendo questo schema:

intro – strofa – rit- strofa-bridge-rit- outro

Il brano non dovrà essere più lungo di 3 minuti.

Se ti va poi mandalo alla info@saravelardo.com, col tempo troverò il modo di condividerlo con gli iscritti alla newsletter e creare un gruppo di ascolto in cui confrontarsi sulle composizioni.

Spero che questo articolo possa aiutarti nella scrittura delle tue canzoni.

W la musica, sempre.

Sara 

2 commenti su “10 consigli per scrivere una canzone”

  1. Grazie mille Sara per questo articolo; alcuni punti mi hanno ricordato il seminario bellissimo che hai fatto con Laf e Sue l’anno scorso. Mi sono reso conto che, attualmente, sto applicando il consiglio di scrivere e scrivere testi alla musica strumentale; poiché quando sento una forte emozione, per descriverla mi viene da collegare la mia loop station e cominciare a registrare tracce… Tuttavia, voglio migliorare anche dal punto di vista della stesura del testo ( cosa che, all’interno della band, non svolgo sempre).
    Adoro la tua proposta dell’esercizio, difatti in questi giorni ho intenzione di comporre qualcosa per poi mandartelo. L’idea del gruppo di condivisione mi piace un sacco, poiché come hai detto tu, far ascoltare agli altri è fondamentale per non rimanere chiusi nella nostra visione.
    PS: ho notato dei bellissimi miglioramenti all’articolo, per esempio l’indice dei punti fondamentali, stupendo grazie per l’impegno che ci metti sempre 🌟
    Un abbraccio, ti aggiornerò presto su come procederà il brano🎶

    1. Ciao Lorenzo! Che bello che è stato quel seminario, sto lavorando per proporne altri in autunno! Sto pensando a come costruire il gruppo nel modo più utile possibile, e come hai notato sto migliorando il blog! Sempre in movimento, come te del resto! Aspetto il tuo brano allora!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *